Archivio fotografico

 

 

Il primo registro dell'allora "Gabinetto Fotocinematografico", che riuniva in se Laboratorio, Archivio Fotografico e Fototeca, risale invece al 1 luglio del 1951. In quel periodo, su di un unico registro, venivano inventariate con numero progressivo sia le foto realizzate dal Laboratorio, sia quelle acquisite tramite donazioni, nonché le lastre fotografiche prodotte in sede e i materiali mobili e immobili assegnati al Gabinetto Fotocinematografico. La situazione rimane invariata fino al 1957, quando viene istituito un registro apposito per il carico e lo scarico dei beni mobili ed immobili. Permane però l'equivoco tra lastre fotografiche e stampe fino a che, negli anni sessanta, il registro viene utilizzato solo per l'inventariazione di lastre e pellicole fotografiche. Da allora la Fototeca viene spostata nella Biblioteca, diventando un corpo a se e fornendo un servizio di documentazione fotografica in aggiunta a quelli già esistenti per gli studiosi. Attualmente la Fototeca consta di circa 20000 stampe fotografiche in bianco e nero, 20000 diapositive e 6000 fotocolors.

Le stampe sono articolate in sette sezioni:

  • Foto di opere di proprietà GNAM (pittura, scultura, grafica)
  • Foto di opere di artisti acquisite attraverso donazioni e scambi, attualmente presso l'Archivio Bioiconografico
  • Allestimenti di mostre temporanee e allestimenti museali permanenti
  • Documentazione relativa agli interventi di restauro dell'edificio
  • Campagne di catalogazione
  • Inaugurazione di mostre e manifestazioni speciali: teatro, musica, conferenze, performances ecc.
  • Fondi fotografici ottenuti attraverso donazioni e acquisizioni